Panopticon

Passato

Vedere senza essere visti

Il Panopticon di Jeremy Bentham

Il nostro Panopticon nasce da un'idea che arriva da lontano.

Era il 1791 quando il filosofo e giurista Jeremy Bentham propose lo schema di controllo che tanto avrebbe influenzato l'immaginario di artisti e filosofi del futuro.

Si trattava di un modello di carcere a struttura circolare che prevedeva un unico guardiano all'interno di una torre centrale chiusa e molti detenuti disposti sulla circonferenza in celle quasi del tutto aperte.

L'idea di base era che il guardiano potesse controllare senza essere visto e che i detenuti, nell'incertezza di stabilire se osservati o meno, finissero col comportarsi, in ogni momento, esattamente come se fossero osservati.

Molti lo hanno criticato, preso ad emblema di una sorta di potere occulto. Noi lo abbiamo subito fatto nostro, convinti che la certezza di poter proteggere, in chiaro, beni e persone care sia una delle tante libertà cui ogni uomo dovrebbe avere diritto.

Crediamo, infatti, che la conoscenza unita alla capacità di poter vedere, storicamente, rappresenti la più naturale possibilità di controllo. Purtroppo viviamo tempi in cui, spesso, l'unica garanzia di giustizia sembra rappresentata dalla consapevolezza della sorveglianza. Tempi in cui sottrarsi alla sorveglianza non significa semplicemente sottrarsi alla giustizia, ma mettersi in condizione di acquisire un potere incontrollato.

Nel mondo delle persone visibili, in senso fisico ma anche in senso morale, il controllo (garantito da un lampione in un vicolo buio quanto dalla più innovativa delle telecamere) rende possibile imporre comportamenti civili. Perché la possibilità di essere visti rende tutti, naturalmente, più giusti e virtuosi.

Nel mondo delle persone visibili mettere a disposizione della comuntià un sorriso, uno stralcio di banale quotidianità, cinque minuti del proprio tempo per la coda davanti a un metal detector, un attimo di imbarazzo mentre un operatore ispeziona il contenuto della tua valigia all'aeroporto, è un gesto di responsabilità che regala più sicurezza a tutti e che non costa niente.

Ed è proprio a quel mondo che la società SPEE si è rivolta ideando il centro di controllo Panopticon, un mondo di persone visibili che vogliono vedere e che hanno ben chiaro quanto sia importante diffondere la cultura della sicurezza a scapito di una cultura dell'emergenza fin troppo radicata.

Utilizziamo i cookie per assicurarvi la migliore esperienza nella navigazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca qui per maggiori informazioni.